Home / Social Network / WhatsApp per Android, filtri per foto e pagamenti
WhatsApp per Android, filtri per foto e pagamenti

WhatsApp per Android, filtri per foto e pagamenti

Facebook ha deciso di portare alcune caratteristiche del social network anche su WhatsApp, ma il “bersaglio” principale rimane sempre Snapchat. Dopo le Storie potrebbero arrivare su Android anche i filtri per le foto, come già avvenuto su iOS. Un’altra novità potrebbe essere il supporto per i pagamenti peer-to-peer.

I WhatsApp Photo Filters sono stati introdotti con la versione 2.17.297 beta e possono essere utilizzati in maniera molto semplice nella schermata di editing delle immagini. L’azienda di Menlo Park ha aggiunto solo cinque filtri (Pop, BW, Cool, Chrome e Film), ma il numero potrebbe aumentare in futuro. Per applicare un filtro è sufficiente effettuare uno swipe dal basso verso l’alto sulla foto e scegliere quello di proprio gradimento. L’utente può ovviamente vedere il risultato finale prima dell’invio. In pratica, i filtri modificano automaticamente alcuni parametri, come luminosità, colore e contrasto.

Non è possibile però variare l’intensità dei filtri, come su Instagram. Stranamente la funzionalità è stata rimossa dalla versione 2.17.298 beta. Probabilmente ritornerà in seguito con nuove opzioni e miglioramenti. Nell’ultima beta di WhatsApp per Android è stata invece scoperta la possibilità di inviare e ricevere denaro mediante l’applicazione.

La funzionalità denominata WhatsApp Payments consente di effettuare i pagamenti P2P, sfruttando la piattaforma UPI (Unified Payments Interface). Si tratta di un sistema sviluppato dalla National Payments Corporation of India (NPCI), quindi è riservato unicamente agli utenti indiani. In futuro potrebbe essere implementato un sistema utilizzabile anche in altri paesi.

Leggi Anche

La bufala sulla strage di Barcellona: "Ambulanti non c'erano, avvisati ...

La bufala sulla strage di Barcellona: "Ambulanti non c’erano, avvisati …

ROMA – Ogni attentato genera le sue teorie del complotto e le sue bufale. Non …