giovedì , luglio 18 2019
Home / Social Network / Violazione della privacy, Facebook di nuovo sotto accusa
Violazione della privacy, Facebook di nuovo sotto accusa

Violazione della privacy, Facebook di nuovo sotto accusa

Oggi protagonisti della nostra rassegna tre big del mondo internet: Facebook, Apple e Microsoft.

Violazione della privacy, Facebook di nuovo sotto accusa

Nuove accuse per Facebook sul fronte privacy. Il social network di Zuckerberg è nuovamente nel mirino per aver fornito alle aziende produttrici di telefoni accesso a massicce informazioni sui propri utenti senza esplicito consenso. Facebook avrebbe consentito ad oltre 60 società – tra cui Apple, Amazon, BlackBerry, Microsoft e Samsung – di accedere a delle cosiddette “private API”, ossia dei sistemi creati dallo stesso social per facilitare l’integrazione della sua app all’interno dei sistemi operativi degli spartphone. Facebook ha risposto alle accuse, dichiarando di non essere a conoscenza di abusi. Ma alcuni vedono già lo spettro di un nuovo scandalo. Leggi di più sul New York Times.

Apple, al WWDC 2018 tanti annunci e i nuovi numeri di App Store

In occasione di WWDC 2018, la conferenza annuale per gli sviluppatori di Apple, il colosso di Cupertino ha annunciato diverse novità riguardanti la sua offerta software. E ha anche ufficializzato alcuni numeri aggiornati sul suo App Store. Il marketplace di applicazioni della società ha raggiunto 20 milioni di sviluppatori registrati e 500 milioni di visitatori a settimana, totalizzando 100 miliardi di dollari di ricavi. Leggi di più su TechCrunch.

Microsoft punta sulle tecnologie open source: acquisita la piattaforma GitHub

Microsoft ha annuciato di aver raggiunto un accordo per l’acquisizione di GitHub, piattaforma per lo sviluppo di software aperto, per 7,5 miliardi di dollari. L’operazione, che dovrebbe essere chiusa alla fine dell’anno, conferma un defnitivo cambio di rotta per la società di Redmond, che dalla nomina di Satya Nadella a CEO nel 2014 ha iniziato ad investire massicciamente sulle tecnologie open source. Lo stesso Nadella ha dichiarato che, grazie all’operazione, “rafforziamo il nostro impegno verso gli sviluppatori per la libertà, l’apertura e l’innovazione”. GitHub continuerà ad operare in maniera indipendente. Leggi di più su MediaPost.

Potrebbe interessarti anche:

Privacy su Internet, la nuova norma del Garante americano che non piace ai provider

Adobe acquisisce una startup specializzata in pubblicità video

Privacy su Facebook, sospese 200 applicazioni sul social

Apple al lavoro su un nuovo network per la vendita di pubblicità in-app

Leggi Anche

E3 2019, leak Bethesda: due nuove IP, DOOM Eternal e battle royale su Fallout 76

E3 2019, leak Bethesda: due nuove IP, DOOM Eternal e battle royale su Fallout 76

Le IP in questione si intitolerebbero Deathloop, un marchio registrato da Bethesda nel passato recente, …