lunedì , dicembre 10 2018
Home / Scuola Università e Dintorni / Taranto: diagnosi e prevenzione delle malattie polmonari, illustrate …
Taranto: diagnosi e prevenzione delle malattie polmonari, illustrate ...

Taranto: diagnosi e prevenzione delle malattie polmonari, illustrate …

Di seguito un comunicato diffuso dagli organizzatori:

Prevenzione e diagnosi delle patologie polmonari. Se n’è discusso, nei giorni scorsi, durante un congresso a tema, che ha visto come presidente e organizzatore il dottor Alfredo Scoditti, responsabile del Reparto di Pneumologia presso la Casa di Cura “San Camillo” di Taranto.
Le malattie respiratorie rappresentano, comprendendo il cancro del polmone, la seconda causa di morte a livello mondiale. La sola broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) sarà, già nel 2020, la terza causa di morte nel mondo. Ad oggi, già 80 milioni di persone ne sono affette.
“In Italia, poi – ha spiegato il dott. Scoditti – colpisce il 7% della popolazione e il 5% è affetto da asma bronchiale. Senza dimenticare le problematiche neoplastiche. La terapia è importante, ma diventa ancora più essenziale, soprattutto in realtà industriali come Taranto, fare diagnosi precoce e prevenzione. Di qui, l’importanza di questo convegno, organizzato affinchè i medici che vi partecipano siano aggiornati su quelli che sono i sintomi di tali patologie, i nuovi approcci diagnostici e terapeutici”.
Al dott. Stefano Nardini, presidente Sip (Società Italiana di Pneumologia), il compito di approfondire le principali malattie infettive dell’apparato respiratorio: bronchiti e polmoniti che sono causa frequente di ospedalizzazione, ma anche di morte. Peraltro – ha spiegato – nel tempo è cambiato l’approccio terapeutico a queste patologie, perché oggi prevale la patologia di tipo cronico”.
Ecco il valore del ruolo dello pneumologo che, come spiegato dal prof. Emilio Marangio (Malattie Respiratorie Università di Parma) “ha acquisito importanza nell’ambito della medicina interna, appropriandosi di diverse metodiche importanti come la ventilazione meccanica o l’ossigenoterapia. Da fisiologo qual era ai tempi della tubercolosi ha assunto un ruolo a tutto tondo per tutto ciò che riguarda l’apparato respiratorio”.
Il prof. Onofrio Resta (Direttore Cattedra Malattie Respiratorie Università di Bari) ha rimarcato come in Puglia “esistono siti fortemente inquinati con elevata concentrazione di sostanze nocive tossiche o a effetto cancerogeno in cui l’incidenza delle patologie respiratorie è alta. Tra questi, purtroppo, figura la città di Taranto. Se in Puglia, su un campione di circa 3mila persone, quelle affette da malattie respiratorie (asma e Bpco) sono pari al 10 – 12%, a Taranto il 50 – 56% della popolazione ha problemi relativi alle vie aeree: tosse, catarro e affanno”.
Ecco spiegata anche la strategicità e la necessità di organizzare un convegno su tali problematiche proprio a Taranto, come rimarcato dal dott. Cosimo Nume (presidente Ordine Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Taranto) e dal dott. Stefano Rossi (direttore generale Asl Taranto): “L’aggiornamento continuo – ha spiegato quest’ultimo – serve alla sanità pubblica come a quella privata convinti, come siamo, che solo se si integrano si possono creare le giuste condizioni per dare una risposta efficace alla popolazione”.

Di seguito un comunicato diffuso dagli organizzatori:

“Aggiornamenti sul trattamento dei carcinomi uro-ginecologici” è il tema di un convegno medico che si svolgerà a Taranto, il 27 ottobre prossimo, al Castello Aragonese della Marina Militare con inizio dalle 9 e conclusione nel pomeriggio. Presidente del convegno, con finalità di confronto e scientifiche, è il dottor Salvatore Pisconti, direttore della struttura complessa di Oncologia dell’ospedale “Moscati di Taranto”. Coinvolti nell’iniziativa, articolata in due sessioni, quella ginecologica al mattino e quella urologica nel pomeriggio, non solo gli specialisti della materia ma anche le istituzioni locali, con la Regione Puglia e il Comune di Taranto, le Asl di Taranto e Brindisi, l’Ufficio scolastico provinciale, la Marina Militare e la direzione sanitaria della forza armata, l’Ordine dei medici. Un confronto molto ampio perché la finalità del convegno è quella di promuovere e diffondere il concetto della prevenzione ma anche quella di stimolare un confronto, nel mondo medico e sanitario, sui nuovi percorsi terapeutici e su come questi impattano sulla gestione del sistema pubblico.
“La prevenzione è il primo obiettivo che ci poniamo con questo convegno – spiega il direttore Pisconti -. E lo facciamo attraverso due messaggi molto specifici e chiari rivolti alle donne e agli uomini. Di qui la differenziazione delle due sessioni del nostro incontro, quella ginecologica e quella urologica. Alle donne, infatti, spiegheremo l’importanza di prevenire il tumore del collo dell’utero con il ricorso al Pap Test e alla vaccinazione. Agli uomini, invece, sarà sottolineata l’importanza del Psa nella prevenzione, specie se esiste una familiarità relativamente alla patologia. Due semplici esami – prosegue Pisconti – possono darci un contributo importante in termini di conoscenza preventiva e tempestiva e quindi metterci nelle condizioni di avviare il percorso di cure più appropriato. Non é mai superfluo sottolineare come la prevenzione rimanga un’arma fondamentale se vogliamo affrontare con possibilità di successo la patologia ginecologica e quella urologica”.
“Ma, prevenzione a parte, la ricerca in questo campo ha fatto grandi passi in avanti – spiega Pisconti -. Oggi, infatti, esistono farmaci biologici che ci permettono di avere risultati importanti. C’è un avanzamento significativo nelle cure e nelle terapie che è ormai un dato di fatto, acclarato dagli studi e dalle ricerche in materia. Questo è un elemento positivo perché sta a dimostrare come studio e scienza si siano impegnati su obiettivi avanzati. Fare quindi il punto sull’applicazione di questi farmaci e sui risultati ottenuti, è la seconda finalità del nostro convegno. Infine – rileva Pisconti -, e questo è il terzo scopo del convegno, non possiamo prescindere dal fatto che i farmaci biologici, se è vero che stanno dando buoni risultati, è altrettanto vero che sono farmaci costosi. E allora dobbiamo interrogarci su come la sanità può affrontare i relativi costi e come possiamo gestire un discorso di sostenibilità dell’intero sistema nel medio e lungo periodo. Prevenzione al più ampio livello, efficacia e risultati nella cura, sostenibilità economica della terapia, sono sì aspetti distinti ma uniti da una comune matrice: quella di una sanità che si sforza di fare sempre meglio per essere all’altezza delle situazioni da affrontare”.
“Ma nel convegno – conclude il direttore Pisconti – abbiamo anche voluto aprire una parentesi. Fare un salto nel passato e, in particolare, nella storia di Taranto. È noto che questa città è stata capitale della Magna Grecia, prova ne è lo straordinario Museo archeologico nazionale, e allora abbiamo chiesto alla direttrice del MarTa, Eva Degl’Innocenti, di parlarci, nell’ambito della sessione del mattino, di “Stili di vita della donna della Magna Grecia”. È evidente che in quel tempo, per i problemi che tratteremo nel convegno, non c’era la possibilità di usare i mezzi e gli strumenti di cui noi oggi disponiamo in quanto le conoscenze erano decisamente più limitate, tuttavia la donna, nella storia dell’umanità, ha avuto sempre un ruolo fondamentale. E allora é importante conoscere, anche per un raffronto storico e culturale, quali siano stati i comportamenti del genere femminile in un’epoca così ricca di significato, sul piano della civiltà, della cultura, delle arti, quale quella della Magna Grecia e farlo nella città che della Magna Grecia ne è l’espressione”.

Leggi Anche

Gli studenti delle scuole superiori di Caserta protagonisti della ...

Gli studenti delle scuole superiori di Caserta protagonisti della …

Caserta – Le Associazioni Gianluca Sgueglia, La Margherita Education art APS e Insieme Si Può stanno …