mercoledì , giugno 26 2019
Home / Social Network / Skype, ritorno al passato: spazio alla semplicità | Punto Informatico

Skype, ritorno al passato: spazio alla semplicità | Punto Informatico

La semplicità è un valore e, nell’affermare questo, non solo Skype indica la strada per il futuro, ma esprime anche un solenne mea culpa per quel che è il recente passato. Un mea culpa firmato Peter Skillman, Director of Design per Skype e Outlook, circostanziato al contesto di un team che ammette di aver sbagliato e che si proclama pronto a correggere i problemi emersi.

Perché i problemi, del resto, sono stati evidenti. Benché la community di Skype sia rimasta nel tempo pressoché stabile, la crescita si è fermata e da più parti sono emerse forti alternative al servizio che ha fatto la storia delle chiamate online (che fosse chat, VoIP, videocall o altra forma). I problemi son venuti a galla soprattutto in ambito professionale, dove un software sempre più condito di “extra” ha iniziato a rivelarsi scomodo, poco performante e non certo migliore di molti altri attori pronti ad alzare la voce con le proprie novità.

L’ammissione di colpa è ampia e totale, senza deroghe. Secondo Skillman sono state portate a bordo funzioni come “Highlight” (il corrispettivo delle “Storie” presenti sui social network alla Snapchat o Instagram) che non sono state in alcun modo comprese, né potevano avere a che fare con la vocazione del software. “Oggi”, spiega, “vogliamo condividere il nostro focus sulla semplicità per offrire l’esperienza migliore di sempre per voi rendendo Skype semplice da imparare e facile da utilizzare”.

Si parte anzitutto da una interfaccia di navigazione semplificata, spostando il baricentro del servizio laddove era stato per molti anni: chiamate o invio di messaggi. Vengono eliminate funzioni perlopiù ignorate dagli utenti, viene rimossa la ridondanza che aveva accartocciato i percorsi di navigazione e si cerca di rendere istantaneo il raggiungimento di qualsivoglia contatto. La versione mobile, in particolare, sarà costruita su tre pulsanti: Chat, Chiamate e Contatti. La versione desktop ricalcherà invece la versione mobile, seguendo medesimo schema e tentando di sposare soprattutto il gradimento degli utenti di vecchia data (abituati ad altri tipi di interfaccia rispetto a quelle che Skype aveva improvvidamente sposato negli ultimi mesi).

Tutte le novità sono incluse nella versione 8.29, già in distribuzione anche in lingua italiana.

La logica del design è tutta nelle parole di Skillman: la nuova essenza di Skype trapela dalla nuova interfaccia, andando di pari passo con la rimodulazione dei servizi e delle funzioni offerte. L’interfaccia semplificata darà maggiore spazio ai contenuti, anche attraverso una scelta dicotomica tra “light” e “dark” mode e ad una miglior gestione dei colori per ottimizzare contrasti e leggibilità.

Per raggiungere questi primi obiettivi si è lavorato monitorando l’uso che gli utenti fanno dell’app, partendo quindi dal comportamento effettivo per carpire i segnali di ciò che è stato più o meno gradito negli ultimi tempi.

Molte sono ora le idee in ballo per un più rapido e più efficiente ritorno “al passato”, ma in questo passaggio il team vuole sentire anche gli utenti, così che possano essere questi ultimi a definire le priorità e di conseguenza la scaletta di intervento: a tal proposito è stata predisposta una “UserVoice“, area del sito ove idee e feedback procedono di pari passo alla ricerca di un nuovo punto di incontro tra Skype e la sua community. Come succedeva in passato, ma come non succedeva più ormai da qualche tempo.

Leggi Anche

Le novità Apple del WWDC 2019

Le novità Apple del WWDC 2019

   Le novità Apple del WWDC 2019: novità keynote Le novità Apple del WWDC 2019 …