lunedì , novembre 19 2018
Home / Tecnologia / Serie A 2018/19, poche chiamate della VAR: ‘colpa’ dell’IFAB
Serie A 2018/19, poche chiamate della VAR: 'colpa' dell'IFAB

Serie A 2018/19, poche chiamate della VAR: ‘colpa’ dell’IFAB

La prima giornata di serie A 2018/19 ha prodotto anche le prime polemiche arbitrali, ineliminabili e in un certo senso fisiologiche, ma soprattutto ha fatto chiedere a tanti tifosi come mai sia intervenuta così poco la VAR. Si infatti pensava che, dopo una prima annata positiva (soprattutto da metà campionato in poi dopo un comprensibile rodaggio iniziale), la seconda stagione della tecnologia Video Assistance Referee segnasse un’ulteriore diminuzione degli errori.

In questo weekend la VAR è intervenuta solo tre volte in otto partite: in Chievo-Juventus (annullamento del gol di Mandzukic), in Torino-Roma (annullamento del gol di Iago Falque) e in Parma-Udinese (rigore per i friulani). Altrove, vedi Sassuolo-Inter, c’è chi ne ha reclamato l’uso senza venire accontentato: ed è una situazione a cui potremmo dover abituarci per tutta la stagione, per decisione dell’IFAB.

L’organo internazionale che stabilisce le regole del gioco del calcio ha infatti stabilito che quest’anno la VAR dovrà essere usata solo in caso di “chiaro ed evidente errore”: in pratica, ne ha ristretto l’applicazione invece di allargarla. Nel caso del contatto su Asamoah, per esempio, la sala VAR non ha giudicato il non fischiare rigore un “chiaro ed evidente errore” e quindi Mariani non è stato chiamato per l’on field review.

Solo che “chiaro ed evidente errore” è un concetto comunque soggettivo ed opinabile e può variare da arbitro ad arbitro e da VAR (inteso come persona addetta e non tecnologia) a VAR: e finché l’IFAB non cambierà indicazione, anche i nostri arbitri potranno farci poco.

Leggi Anche

Gustus, dal 18 al 20 novembre a Napoli tre giorni dedicati alla ...

Gustus, dal 18 al 20 novembre a Napoli tre giorni dedicati alla …

Da domenica 18 a martedì 20 novembre la grande cucina sbarca alla Mostra d’Oltremare. Infatti …