venerdì , luglio 19 2019
Home / Tecnologia / Samsung punta alla gola di Intel e TSMC con processori a 3 nanometri
Samsung punta alla gola di Intel e TSMC con processori a 3 nanometri

Samsung punta alla gola di Intel e TSMC con processori a 3 nanometri

Intel arranca da anni, TSMC detta legge ma Samsung reclama il testimone della Legge di Moore con processori a 5 nanometri nel 2020 e 3 nanometri nel 2021. Ma la vera differenza è una rivoluzionaria tecnologia per costruire i transistor denominata Gate All Around, siglata GAA.

Il gate è la parte dei transistor che gestisce il flusso dell’energia attraverso un canale: questa struttura fa cambiare lo stato da acceso a spento, permettendo al transistor di funzionare. In passato questa struttura era piatta: con la tecnologia GAA di Samsung diventa una struttura 3D che avvolge completamente il canale.

I dirigenti di Samsung dichiarano che l’abbinamento della tecnologia GAA con il processo di costruzione a 3 nanometri, permetterà di dimezzare i consumi di energia e allo stesso tempo di incrementare le prestazioni del 35%.

Al momento Samsung è in grado di creare prototipi di processori a 5 nanometri per i propri clienti, con costruzione in grandi volumi nel 2020. Il nuovo processo a 3 nanometri con tecnologia GAA sarà disponibile per i processori di smartphone e dispositivi mobile dal 2021, come segnala Cnet. Successivamente, con ulteriori perfezionamenti, potrà esser impiegata anche per costruire processori grafici, processori per intelligenza artificiale e altro ancora.

Si tratta di un progresso notevole di Samsung ottenuto con ingenti investimenti nel campo della ricerca dei materiali. Giusto per avere alcuni termini di confronto: Apple A12 Bionic degli iPhone 2018 costruito da TSMC con processo a 7 nanometri, mentre Apple A13 si prevede sarà realizzato con una seconda versione migliorata di questa tecnologia. Si tratta di dimensioni microscopiche: un filamento di DNA è largo circa 2 nanometri.

Proprio grazie alla tecnologia GAA Samsung punta prima ai 3 nanometri nel 2021, per poi passare al processo a 2 nanomentri e poi ancora a solamente 1 nanometro. Per andare oltre 1 nanometro probabilmente servirà un nuovo ritrovato tecnologico in termini di struttura del processore.

Grazie a questo importante avanzamento Samsung punta a rafforzare il proprio business come costruttore di processori a contratto per altri marchi. Ricordiamo che nel 2017 il colosso sudcoreano ha separato la divisione Samsung Fundry per poter proporsi e gestire meglio gli ordini di produzione di processori per altre società, attualmente tra i clienti rientra anche Qualcomm.

Le importanti novità tecnologiche annunciate in queste ore promettono di portare a Samsung diversi altri clienti, in concorrenza rispetto a TSMC. In passato Apple suddivideva la produzione di processori per iPhone tra Samsung e TSMC, ma negli ultimi anni sono tutti realizzati da quest’ultima. Sarà interessante verificare se le novità di Samsung Foundry faranno tornare Cupertino sui propri passi.

Leggi Anche

I nuovi MacBook Air e Pro da 13 pollici: tutte le novità

I nuovi MacBook Air e Pro da 13 pollici: tutte le novità

Apple aggiorna alcune specifiche tecniche e tecnologie dei nuovi portatili: tutto ciò che c’è da …