martedì , agosto 21 2018
Home / Sessuologia ed Altro / Rispettare ogni stagione, vivere la sessualità con i propri tempi
Rispettare ogni stagione, vivere la sessualità con i propri tempi

Rispettare ogni stagione, vivere la sessualità con i propri tempi

14.06.2018 h. 12.00

In un precedente articolo avevamo già parlato del rallentare e tornare un po’ indietro alla lentezza dei primi tempi. L’argomento tempi e ritmi nella sessualità è importante per molti aspetti e per molte fasi della vita.

Nella fase dell’adolescenza è corretto che ci sia un libero sfogo a ciò che sentiamo, il bacio che dura ore, il toccarsi con foga e con il desiderio sempre acceso, lo sperimentare tutto questo anche con tempi molto lunghi prima dell’atto sessuale in se’. E’ una fase in cui è normalissimo che ci sia una sana ribellione contro tutti, contro il resto del mondo perché le voglie di qualsiasi natura esse siano dominano sulla razionalità, dominano su tutto, l’istinto è libero.

Ligabue (cantante italiano) negli anni ’90 cantava “Non è tempo per noi”

“..Non e’ tempo per noi
Che non vestiamo come voi
Non ridiamo, non piangiamo, non amiamo come voi
Forse ingenui o testardi
Poco furbi, casomai
Non e’ tempo per noi
E forse non lo sara’ mai..”

link alla canzone https://youtu.be/3jVtR5D8UC0

E’ stato un inno per gli adolescenti perché dava voce allo sfogo dei pensieri di quella fase della vita, quelli nei quali ci si sente unici, ci si sente invincibili ed inarrestabili.

Jacques Prevert (poeta francese) descriveva così la natura dell’adolescenza, il fuoco sacro che pervade gli animi dei giovani , quello che appunto rende noncuranti del resto del mondo per vivere i propri sogni, i propri desideri così come si vuole, immersi nelle irripetibili sensazioni del primo amore.

“I ragazzi che si amano

I ragazzi che si amano si baciano in piedi
Contro le porte della notte
E i passanti che passano li segnano a dito
Ma i ragazzi che si amano
Non ci sono per nessuno
Ed è la loro ombra soltanto
Che trema nella notte
Stimolando la rabbia dei passanti
La loro rabbia il loro disprezzo le risa la loro invidia
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Essi sono altrove molto più lontano della notte
Molto più in alto del giorno
Nell’abbagliante splendore del loro primo amore”

Si arriva quindi a scoprirsi del tutto e a fare l’amore per la prima volta pur non essendo esperti ma ricchi dello stupore e della purezza di quella prima volta. Riguardo ai ritmi e ai tempi ognuno deve rispettare se stesso nel fare l’amore con la persona che reputa meritevole di questo e ascoltando se stesso per capire se è davvero giunto il momento giusto. Non bisogna temere che l’altro non ci aspetti se non si è pronti , potrebbe non essere il partner giusto per condividere un’esperienza così importante. Le cose non si fanno perché “le fanno gli altri” ma solo quando si è deciso che davvero va bene di farle.

Nella fase della maturità la sessualità acquista sfumature nuove e molto diverse. Sicuramente in base al proprio vissuto,all’esperienze fatte, al partner o ai partner avuti, alle credenze della società e ad altre variabili. Alcune persone desiderano esplorare in modo più approfondito il proprio corpo e la sessualità serenamente e sempre seguendo la proprio natura e alcune persone possono invece restare bloccate in qualche esperienza pregressa non positiva o parzialmente non positiva. A qualcuno può capitare che il proprio vissuto porti qualche blocco significativo nella sessualità che può trasformarsi in malattia a livello fisico o in termini psicologici da trattare quindi con un’esperto in materia. In tal caso è bene affidarsi ad uno sessuologo che è prima di tutto uno psicologo e che è quindi la persona adatta a definire la natura di un eventuale disturbo o indisposizione fisica.

Con il passare degli anni inoltre avvengono dei veri e propri cambiamenti fisici come la menopausa o l’andropausa, la sessualità di entrambe i sessi in queste fasi potrebbe avere un calo ma non per questo deve essere assente o insoddisfacente.

Ogni piccolo cambiamento che avviene nel nostro corpo o nel corpo del partner va rispettato e bisogna sempre sentirsi liberi di dire quel che si prova o di sentire “quel che si sente”. E’ molto importante ascoltarsi a livello fisico o nei pensieri che possono prendere il sopravvento  sul nostro corpo. L’amore per noi stessi o per il partner è il presupposto necessario per riportare in equilibrio il nostro fisico e la nostra anima seguendo ancora una volta il nostro tempo ed il nostro ritmo.

Ogni stagione è piena di meraviglie e di possibili novità, con la maturità potremmo essere in grado di provare sensazioni mai percepite prima, di godere in modo molto più completo ed appagante ricercando ciò davvero ci piace in relazione al fatto che si conosce meglio ciò che ci da piacere, vivendo in modo naturale e consapevole giochi che magari prima potevano sembravano quasi proibiti o trasgressivi. Rispettando se stessi nel profondo, la propria natura ed il proprio corpo si può esplorare una sessualità davvero piena e libera da qualsiasi tipo di preconcetto limitante arrivando alla massima espressione di se’, vivendo l’unione con il proprio corpo o con il partner nel modo più sacro e sublime.

“La sessualità è una componente fondamentale del nostro essere anche nei momenti in cui non esercitiamo alcuna attività sessuale.”  ( cit. A. Dickson )

Resto a disposizione per info o consigli con la mia mail di consulenza di benessere sessuale [email protected]

Al prossimo giovedì per una nuova tappa del viaggio!

 

 

 

 

 

Leggi Anche

Lazio, "niente donne in curva" e Suor Paola insorge: "Ci sarò io in ...

Lazio, "niente donne in curva" e Suor Paola insorge: "Ci sarò io in …

Ci sarebbero già i primi identificati per i volantini comparsi nella curva della Lazio in …