lunedì , maggio 20 2019
Home / Film e Dintorni / Ride: l’arrivo del Blu-ray e le novità per l’universo espanso del film
Ride: l'arrivo del Blu-ray e le novità per l'universo espanso del film

Ride: l’arrivo del Blu-ray e le novità per l’universo espanso del film

A settembre dello scorso anno è uscito al cinema Ride, un film italiano che osa sperimentare e proporre una storia diversa da quelle solite viste nella produzione nostrana.

Ride è un film ideato da Fabio Guaglione e Fabio Resinaro. Il duo ha curato la sceneggiatura (insieme a Marco Sani) e sono anche stati produttori e supervisori artistici. Alla regia vi è invece Jacopo Rondinelli che ha diretto un cast composto da attori italiani e internazionali, tra cui ricordiamo i nomi di Lorenzo Richelmy e Ludovic Hughes nei ruoli dei protagonisti.

HDLucky Red

Ride ha fatto parlare molto di sé soprattutto per il modo in cui è stato girato, infatti oltre 20 telecamere GoPro sono state utilizzate per la realizzazione di questa pellicola, con riprese da angoli multipli e con gli attori che avevano addosso tre o a volte anche quattro GoPro per immortalare ogni acrobazia e movimento.

Il film è stato distribuito al cinema lo scorso 6 settembre da Lucky Red, mentre il 4 aprile 2019 è uscita l’edizione in DVD e Blu-ray distribuita da Koch Media, con tante interessanti novità non solo legate al film, ma anche a quello che ormai è da considerare l’universo espanso di Ride.

Ride: i contenuti del Blu-ray

La storia di Ride vede due amici, Kyle e Max appassionati di sport estremi che si ritrovano spesso a filmare le proprie imprese a vicenda. Max ha però il vizio del gioco e per questo motivo è pieno di debiti, mentre Kyle ha una ragazza che non vede di buon occhio la passione per gli sport estremi e il suo continuo rischiare la vita.

Un giorno i due ricevono un messaggio da una misteriosa organizzazione chiamata Black Babylon, che li invita a prendere parte a una gara di downhill con in palio 250mila dollari. I due accettano subito di partecipare, ma ben presto si renderanno conto di non trovarsi all’interno di una semplice gara, infatti il duo dovrà lottare per la sopravvivenza in una sfida mortale.

Nel Blu-ray, oltre ovviamente alla possibilità di poter rivedere il film, saranno presenti ben 2 ore di contenuti extra, molti dei quali dedicati alla complessa e appassionante realizzazione della pellicola. Come hanno raccontato gli autori durante l’evento di presentazione del Blu-ray a Milano, nessuno aveva mai provato a fare un film in questo modo, dunque molti espedienti sono stati improvvisati al momento.

Se guardando il film vi siete chiesti come sia stato possibile utilizzare 20 GoPro in contemporanea i contenuti extra dedicati alle riprese sveleranno anche questo mistero. Il regista Jacopo Rondinelli ha raccontato che girare Ride è stata un’esperienza unica proprio per il modo di approcciarsi al film.

Non esisteva un vero e proprio storyboard, perché non esisteva un punto unico da cui una scena veniva ripresa e spesso gli attori erano allo stesso tempo anche i cameraman, dato che in molte sequenze indossavano più di una GoPro, sia sul casco che sul petto. Molte scene sono state dunque ripensate in modo che gli attori si posizionassero in un modo specifico così da avere la migliore ripresa.

I contenuti extra però non finiscono qui, infatti verrà esplorato ogni processo creativo, dal montaggio alle musiche ed effetti sonori fino agli effetti speciali e la loro realizzazione.

Gran parte dei contenuti però sono indirizzati a esplorare quello che viene chiamato “Rideverse”

L’universo di Ride
HDLucky Red

Fin dal principio il progetto Ride non vedeva la realizzazione di soltanto un film, ma voleva essere un evento crossmediale in grado di spaziare in altri ambiti oltre quello cinematografico.

Così è nato Ride Level Zero, il fumetto prequel del film uscito in origine in allegato a La Gazzetta dello Sport e ora consultabile nei contenuti extra del Blu-ray. Ride Level Zero è ambientato prima del film e segue le vicende di uno dei personaggi principali, ossia Clara, la biker di origine spagnola interpretata da Simone Labarga.

Il fumetto è scritto da Adriano Barone e disegnato da Andrea Broccardo (disegnatore anche per diverse testate Marvel fra cui Amazing Spider-Man e gli X-Men). In origine l’albo aveva sei copertine diverse disegnate da alcuni grandi fumettisti italiani, come Mirka Andolfo (Sacro e Profano), Giacomo Bevilacqua (A Panda Piace), Giuseppe Camuncoli (Hellblazer), Matteo Lolli (Deadpool), Emanuela Lupacchino (Supergirl) e Marco Mastrazzo (Dylan Dog).

HDMondadori

Adriano Barone ha anche curato il romanzo ufficiale chiamato Ride – Il gioco del custode edito da Mondadori. Il libro amplia ulteriormente l’universo immaginario della pellicola, su queste pagine potrete trovare la recensione del libro per saperne di più.

Infine tra i tanti progetti paralleli è appena uscito anche il card game ufficiale di Ride, chiamato Ride – Gioca o Muori edito da Pendragon Game Studios. Il gioco di carte intende ricreare le atmosfere del film, mettendo i giocatori nei panni di 4 nuovi rider che dovranno sopravvivere alla sfida mortale. Questo non sarà un gioco che intende semplicemente emulare gli eventi del film, ma introdurrà nuove informazioni legate al Rideverse, svelando qualche mistero lasciato irrisolto nel finale del film.

HDPendragon Game Studio

Scopo del Card Game è arrivare alla fine del percorso facendo più punti possibili e senza morire. I giocatori potranno allearsi fra loro per affrontare il terribile Dark Rider o ostacolarsi a vicenda. Il gioco contiene 4 segnalini personaggio, ognuno dotato anche di una scheda personale, un dado speciale, segnapunti e 4 mazzi di carte unici. Uno di questi formerà il percorso, che sarà diverso a ogni partita. L’autore del gioco, Luca Maragno, ha spiegato che esiste anche una modalità di gioco nascosta all’interno del manuale, che potrà essere intrapresa solo dai giocatori più coraggiosi.

Il Rideverse non accenna comunque a fermarsi, e se in futuro si pensa a un sequel cinematografico, i due autori Fabio Guaglione e Fabio Resinaro, stanno ora cercando di creare anche un videogioco dedicato a Ride, in modo da espandere ulteriormente il già ampio universo. Per il momento la realizzazione di un videogioco è ancora alle fasi embrionali e non è ancora confermata ufficialmente, ma visto il legame che il film ha con il media videoludico non ci sorprenderebbe vedere un giorno realizzato il videogioco ufficiale di Ride.

Leggi Anche

Cinema, Noi: Jordan Peele torna con un horror d’autore

Cinema, Noi: Jordan Peele torna con un horror d’autore

Giudizio dell’autore: I mostri sono il nostro doppio, in altri termini, tutto il male possibile …