martedì , luglio 23 2019
Home / Tecnologia / Mercedes Classe B: novità di sostanza per la tourer tedesca
Mercedes Classe B: novità di sostanza per la tourer tedesca

Mercedes Classe B: novità di sostanza per la tourer tedesca

Mercedes Classe B: interni più curati e motorizzazioni efficienti

La Mercedes Classe B si rinnova. Di primo acchito potrebbe non sembrare molto diversa dalla generazione attualmente in commercio. Nulla di più sbagliato, perché le novità, in questo caso, sono di “sostanza”. Il look esterno, leggermente rivisitato, rappresenta solo un contorno degli aggiornamenti concreti apportati al modello. L’attenzione maggiore è stata rivolta all’abitacolo, e non poteva che essere così visto che si tratta di una vettura destinata principalmente alle famiglie.

A bordo ci sono molti ritocchi di fino. Le dimensioni del tunnel del cambio nel vano posteriore sono state migliorate per agevolare l’accesso al sedile centrale. Lo schienale del divano posteriore, a seconda delle versioni, è frazionabile di serie nel rapporto 40:20:40. Da metà 2019 potrà anche scorrere di 14 centimetri, cosa che consentirà di portare lo schienale in una posizione più verticale per ampliare da 455 a 705 litri la capacità del bagagliaio. Ancora: il bagagliaio presenta adesso una maggiore fruibilità. Il pianale regolabile del vano di carico consente di creare un vano bagagli piano che, con il sedile posteriore ribaltato, accoglie dietro ai sedili anteriori fino a 1.540 litri.

Gl’interni di Classe B sono innovativi tanto quanto l’architettura degli spazi della nuova Classe A, ma presentano un look dedicato: mentre su Classe A la plancia portastrumenti è suddivisa in due corpi orizzontali nettamente separati, su Classe B si presenta come un volume unico. Quello che più importa, però, è il suo “contenuto”: anche la nuova Classe B è equipaggiata con il sistema multimediale MBUX. A rendere unico il sistema è la sua capacità di apprendere dall’esperienza grazie all’intelligenza artificiale. MBUX, personalizzabile e adattabile, mette in collegamento tra loro auto, guidatore e passeggeri. Tra gli altri punti di forza vanno citati il touchscreen di serie e, a seconda dell’equipaggiamento, la plancia con display widescreen ad alta risoluzione, la navigazione con tecnologia della Realtà Aumentata e le azioni vocali con comprensione del linguaggio naturale, che si attivano con il comando vocale “Hey Mercedes”.

Infotainment futuristico

La nuova generazione d’Infotainment MBUX ha dato il via a una serie di servizi Mercedes me connect del tutto nuovi o migliorati. Tra questi figurano le funzioni di navigazione basate sulla comunicazione Car-to-X e il Tracking del veicolo. Ancora: una funzione di notifica avvisa nel caso la vettura parcheggiata venga urtata o rimossa. La nuova Classe B è già pronta di serie per il car sharing privato: attraverso Mercedes me (App. per smartphone) è infatti possibile condividerla con amici e familiari.

La tecnologia d’ultima generazione non riguarda solo l’intrattenimento ma anche la sicurezza. La Classe B è dotata di sistemi di assistenza alla guida che aiutano attivamente il guidatore, con alcune funzioni ricevute dalla Classe S. Per la prima volta l’auto può viaggiare in modalità parzialmente automatica in alcune situazioni specifiche. Dispone infatti di telecamere e sensori radar perfezionati, che le permettono di rilevare le condizioni del traffico fino a 500 metri di distanza, sfruttando i dati cartografici e di navigazione per le funzioni di assistenza alla guida.

Così, ad esempio, il sistema di assistenza attivo alla regolazione della distanza Distronic può aiutare il guidatore in tante situazioni in funzione del percorso, e rendere più confortevole la guida modificando in anticipo la velocità in prossimità di curve, incroci o rotatorie. A queste funzioni si aggiungono il sistema di assistenza attiva nella frenata di emergenza e il sistema di assistenza attiva al cambio di corsia. Di serie anche un sistema di assistenza alla frenata attivo ampliato. Il sistema aiuta a mitigare o a evitare del tutto le collisioni, non soltanto con i veicoli più lenti che precedono, stanno frenando o sono fermi, ma adesso anche con pedoni e ciclisti in attraversamento.


Motorizzazioni nuove e particolarmente efficienti

Il secondo elemento cardine di questo upgrade riguarda un importante aggiornamento delle motorizzazioni. I propulsori sono tutti nuovi rispetto al modello precedente, e tutti conformi ai valori limite Euro 6d-Temp. Festeggia il suo debutto il due litri diesel OM 654q in versione modificata per l’installazione trasversale. Proposto in due livelli di potenza, 150 e 190 cv. Questa motorizzazione diesel affianca il quattro cilindri diesel già utilizzato per Classe A, il 1,5 litri da 116 cv.

Alla data del lancio saranno inoltre disponibili due quattro cilindri a benzina della serie M 282, con 1,33 litri di cilindrata e 136/163 cv. Tra le novità figurano l’esclusione dei cilindri (in abbinamento al cambio 7G-DCT), la forma a delta della testata cilindri e il filtro antiparticolato. Sono inoltre rigorosamente a doppia frizione i cambi con cui la nuova Classe B si presenta ai blocchi di partenza. Tra questi è una novità l’8G-DCT a otto marce, combinato al motore diesel di maggiori dimensioni. Seguiranno altri nuovi motori, così come modelli a trazione integrale 4MATIC.

In occasione del lancio abbiamo provato per un breve tratto, tra le caotiche vie di Roma, la vettura tedesca nella variante 200d (150 cv). Seppur sia durato davvero poco, il test ha messo in luce, ancora una volta, le qualità già note del modello: elevato confort di bordo, abbinato a una dinamica discretamente reattiva e capace di garantire  delle buone progressioni, se richieste. Qualità da non sottovalutare, soprattutto se si considera che si tratta di un’auto da famiglia, studiata per privilegiare la comodità e contenere i consumi. A tutto ciò, si aggiunge inoltre un ulteriore tocco di tecnologia al servizio del conducente e dei passeggeri. Cosa che non guasta mai. Specialmente in questi tempi 4.0…

Leggi Anche

Google Traduttore si rinnova: ecco nuove lingue, rilevamento automatico della traduzione e nuova interfaccia

Google Traduttore si rinnova: ecco nuove lingue, rilevamento automatico della traduzione e nuova interfaccia

Google Translate permette agli utenti ogni giorno di esplorare paesi sconosciuti, comunicando in lingue diverse …