Home / Film e Dintorni / Invito al cinema, al via la 27esima edizione della rassegna …
Invito al cinema, al via la 27esima edizione della rassegna ...

Invito al cinema, al via la 27esima edizione della rassegna …

E’ ai nastri di partenza la 27^ Edizione della Rassegna cinematografica “Invito al cinema”; LUNEDI’ 18 SETTEMBRE si inaugura con un Omaggio al Regista e Sceneggiatore Francesco Bruni, che sarà ospite della manifestazione. La rassegna curata dall’associazione culturale “la dolce vita cineclub” esiste da trentadue anni ed è la manifestazione culturale più longeva del nostro Territorio, da Anzio a Nettuno ad Aprilia.

Per la prima volta dal 1995, anno della Prima Edizione della Rassegna sui Registi esordienti che hanno al loro attivo fino a tre Film “Giovani Autori Crescono”, verrà fatta un’ideale connessione tra il Festival estivo e “Invito al Cinema”. È stata fatta una votazione tra i 6 Film presentati in “Giovani Autori Crescono” e l’opera che ha avuto il maggior consenso è stata proprio “Tutto quello che vuoi”, terzo Film dopo “Scialla” e “Noi 4” del Regista livornese Francesco Bruni, da sempre sodale dell’altro livornese doc Paolo Virzì, a cui abbiamo dedicato il film d’apertura dell’anno scorso. Il Cineclub “La Dolce vita”, dopo aver festeggiato nel 2015 il “quarto di secolo” della Selezione di Cinema d’Essai, ha deciso dallo scorso anno di voltare “pagina”. Non più un solo ciclo di 30 Film da Ottobre a Maggio ma tre mini Rassegne, composte ognuna da 10 Film ciascuna, con cadenza trimestrale: ottobre/dicembre, gennaio/marzo/, aprile/giugno. Questa novità ha permesso di proporre al Pubblico del Cineforum titoli più recenti durante l’anno e agli organizzatori maggiore agilità nel cogliere le nuove tendenze del Cinema contemporaneo. Al primo posto, tra i nostri obbiettivi, c’è sempre la programmazione del CINEMA DI QUALITÀ, con particolare attenzione per quello dei Registi italiani; largo spazio ai lungometraggi con tematiche sociali importanti; attenzione alla qualità delle Interpretazioni; riflettori puntati sugli Autori esordienti e sul Cinema al Femminile. La Rassegna continua dunque a mantenere le sue principali caratteristiche: un itinerario ragionato tra i migliori film della stagione cinematografica appena trascorsa, l’occasione per vedere, o per rivedere, i film che più hanno fatto riflettere, divertire, emozionare quelle persone che ancora fantasticano e sognano nel buio di una sala cinematografica. Anche quest’anno, dai 450 film usciti da Settembre 2016 allo stesso mese del 2017, i curatori hanno selezionato un totale di 13 Film tra quelli più amati, meritevoli, rappresentativi, inediti o poco visti nelle Sale della zona, della stagione cinematografica appena trascorsa.

Il luogo di proiezione è sempre lo stesso, il Cinema Moderno multisala di Anzio, che generosamente ospita la Rassegna dal 2014, e ha dato ascolto, interesse e supporto all’iniziativa del Cineclub.

L’esordio di LUNEDI’ 18 SETTEMBRE è riservato ad un Evento eccezionale. Una Personale dedicata all’Autore Francesco Bruni con la Proiezione di tre Film: “Ovosodo” del Regista Paolo Virzì , di cui Bruni e lo stesso Regista furono sceneggiatori; “Noi 4” secondo Film di Francesco Bruni, inedito nel nostro territorio e, ancora una volta, “Tutto quello che vuoi”, il Film che non ci stancheremmo mai di vedere e rivedere. Tra la seconda e la terza proiezione sarà presente il Regista Francesco Bruni che incontrerà il Pubblico e riceverà il Premio tributato ad un Film che in soli 4 mesi ha conquistato il cuore di tutti ed ha superato la soglia di un milione di Spettatori, un record per un Film uscito a Maggio 20’17. Tutto quello che vuoi: un Titolo che esprime il nostro desiderio di rivederVi tutti e il grande Amore per il Cinema di un gruppo di Persone che ama la Settima Arte e che ancora credono nella possibilità di Emozionare dell’Arte cinematografica.

Leggi Anche

Lucca Comics & Games 2017: tutte le novità dalla conferenza stampa

Lucca Comics & Games 2017: tutte le novità dalla conferenza stampa

Sembra quasi di stare in un dungeon sotto Piazza Duomo, e invece media e stampa sono …