lunedì , dicembre 17 2018
Home / Sessuologia ed Altro / Il calcio si fa rosa – L’attrice Cristiana Capotondi e Martina …
Il calcio si fa rosa – L'attrice Cristiana Capotondi e Martina ...

Il calcio si fa rosa – L’attrice Cristiana Capotondi e Martina …

Anche nel mondo del calcio possibile presenze femminili in ruoli dirigenziali

Se negli altri sport il mondo femminile è ormai una costante da anni, nel calcio questo allargamento al gentil sesso va ancora a rilento, forse perchè il calcio è visto solo per uomini, non può essere allargato alle donne. Ma nel mondo contemporaneo, dove ormai la differenza tra uomini e donne è sempre più sottile, è possibile un allargamento di vedute e un ingresso di donne a ricoprire ruoli dirigenziali nelle federazioni italiane, nel gioco più popolare del mondo. Con la nomina di presidente della FIGC di Gabriele Gravina, infatti, uno dei temi trattati dal vice presidente Cosimo Sibilia (cosa che ha ribadito anche a SportAvellino.it nella sua intervista esclusiva) è proprio questa apertura al gentil sesso, con il calcio femminile che avrà sempre maggiore spazio e chissà magari, come negli altri sport, potrà arrivare ai livelli dei maschietti. Cosa tra l’altro già avvenuta, se vogliamo, con la qualificazione delle donne della Nazionale Italiana ai Mondiali, cosa che agli uomini, giusto un anno fa, non era riuscita.

‘);
}

Se nella pallavolo (abbiamo ancora tutti negli occhi la splendida cavalcata delle ragazze agli scorsi mondiali nipponici, persi solo in finale), pallamano (setterosa), scherma (in diverse edizioni delle Olimpiadi sul podio abbiamo trovato tre atlete azzurre) e tanti altri sport, le donne sono addirittura superiori agli uomini, nel calcio ovviamente c’è da lavorare. Ma questi sono sport che possono fare le donne, nel calcio non è possibile questo, direbbe qualcuno. Ma qualcosa sta cambiando, a partire dall’ingresso di volti importanti femminili a ricoprire ruoli dirigenziali. Soluzioni che magari potrebbero far storcere il naso, ma sono invece un segnale inequivocabile di una direzione precisa da prendere, di un nuovo orizzonte che non può che dare fiato ad un mondo chiuso

Come riporta la rivista Vanity Fair infatti, si sta ipotizzando a due nomi dello spettacolo illustri da inserire nel mondo del pallone. I nomi sono quello dell’attrice Cristiana Capotondi e della show girl Martina Colombari. 

‘);
}

La Capotondi, tifosa romanista affiatata, oltre ad essere famosa per molti film di successo, è un’ottima giocatrice e segue molto il calcio. Tutti i week end con le amiche gioca  a calcio a cinque o calciotto (per indole dice di essere portata a difendere) talvolta anche con ragazzi, ma una volta ha raccontato: «C’è la regola che devono lasciar segnare noi donne». Spesso è ospite a trasmissioni sportive e ne capisce davvero tanto. L’attrice romana, è stata nominata vice presidente della Lega Serie C, dal presidente Ghirelli che ha preso il posto di Gravina, eletto presidente della FIGC. Insomma un ruolo importante, nella prima serie professionista, una sorta di prova per lei, per capire se in futuro potrà “scalare posizioni” in serie maggiori. Come ha ammesso Ghirelli, non è un’operazione mi marketing, ma di capacità e competenze.

Per quanto riguarda Martina Colombari, l’ex miss Italia è tifosissima della Juve e segue il calcio anche perchè moglie del celebre ex calciatore Billy Costacurta,tra l’altro ex vice commissario della FIGC, carica decaduta con la nomina del presidente Gravina. Arriva Gravina, dunque, esce di scena Costacurta ma potrebbe salire alla ribalta la moglie. A lei sarebbe stato proposto di diventare presidente della Divisione Femminile. Un ruolo importante, visto che il calcio femminile sta acquisendo sempre maggiore notorietà ed è in rampa di lancio.

Insomma, il calcio sta cambiando, non solo più per i maschi, non solo più un mondo chiuso, ma aperto anche al gentil sesso. I due nomi illustri fatti, non sono così messi lì, ma sono nomi di ragazze competenti ed aperte a migliorare non solo il calcio femminile, ma anche quello maschile. Magari una soluzione ideale, visto che in questi anni, chi ha governato il nostro calcio, ne ha combinate di tutti i colori. Vedremo se sarà davvero così.

Leggi Anche

Giovanni Ciacci: «Il mio libro sul primo trans d'Italia (dedicato ad ...

Giovanni Ciacci: «Il mio libro sul primo trans d’Italia (dedicato ad …

Un libro, una serie tv, il coronamento di un amore. Poi, il ritorno a Ballando …