martedì , maggio 21 2019
Home / Tecnologia / Honda CRF 250R e CRF 450R 2019: Concentrato di tecnologia
Honda CRF 250R e CRF 450R 2019: Concentrato di tecnologia

Honda CRF 250R e CRF 450R 2019: Concentrato di tecnologia

Due occasioni molto speciali per testare due cavalli di razza che si confermano al top della loro categoria in termini di prestazioni ed attenzione ai dettagli. Le Rosse giapponesi, come spesso accade, si fanno attendere fino all’ultimo ma, quando arrivano, non deludono mai!

Sali in sella ad una Honda ed indipendentemente dall’anno e dalla cilindrata ti senti subito al posto giusto, come se fosse tua da sempre. La nuova linea, adottata ormai da qualche anno è snella e longilinea, con uno spazio di movimento per il pilota davvero invidiabile. Non solo, ma l’abbinamento delle differenti superfici crea un gioco di colori e tagli che rende le rosse aggressive e slanciate già da ferme, sul cavalletto centrale.

Come comandi troviamo finalmente un manubrio Renthal Fat Bar senza traversino, una pinza anteriore con pistoncini differenziati più modulare ed una leva frizione, purtroppo, ancora a cavo. La sella è piatta e larga, con un accoppiamento alle plastiche laterali molto preciso che rende davvero ampia la superficie di contatto tra moto e pilota.

Il magico bottoncino d’avviamento ormai è una garanzia, lo troviamo a destra vicino al gas e serve anche per il launch control, mentre a sinistra troviamo bottoni e spia per la scelta delle mappe. Il tutto molto pulito e semplice, ma che allo stesso tempo nasconde un concentrato di tecnologia che punta in maniera sempre più evidente all’elettronica come elemento distintivo.

CRF 450R

Il progetto, completamente rinnovato nel 2017, entra nel suo terzo anno di evoluzione e grazie all’esperienza sui campi di gara, introduce importanti aggiornamenti che ne aumentano ulteriormente le prestazioni.

La 450, dopo l’introduzione dell’avviamento elettrico lo scorso anno, riceve ulteriori evoluzioni dal punto di vista elettronico e ciclistico. Per lei abbiamo svolto una prova esclusiva sul campo cross di Rezzato, che ne ha esaltato le doti di maneggevolezza e reattività. Nonostante una potenza sotto il sedere che non vede l’ora di mostrare tutti i suoi muscoli, il quattroemmezzo Honda si destreggia molto bene anche nello stretto, dove le velocità non sono importanti, ma lo diventano la precisione di guida e la capacità di scaricare cavalli a terra.

Come geometrie principali, rimane fedele al modello attuale, viene però modificato lo stampo della trave laterale per lasciare spazio al motorino di avviamento elettrico. Sulla 19, è diventato l’unico strumento per la messa in moto in quanto viene definitivamente abolita la leva, e la relativa predisposizione, dell’avviamento a pedale. Questo permette anche allo scarico di fare un giro più efficace, così da avvicinare ulteriormente i silenziatori alla parte centrale del telaio e centralizzate ulteriormente le masse.

Visualizza gallery (11 foto)

Dal punto di vista ciclistico il nuovo setup delle sospensioni Showa da 49mm all’anteriore presenta aggiornamenti per quanto riguarda l’olio e le impostazioni delle molle e dello smorzamento idraulico, mentre per l’ammortizzatore i progettisti sono intervenuti con un processo definito “Super Finish” e la revisione del rapporto del leveraggio Pro-Link. Entrambi gli elementi ammortizzanti, risultano più morbidi anche se sempre sostenuti e permettono un inserimento più preciso.

Novità assoluta è l’adozione dell’innovativo sistema di launch control HRC elettronico. La certezza di ogni crossista è che il grosso del lavoro lo si fa in partenza ed avere quell’elemento in più che aiuta la trazione nel primo centinaio di metri cruciali della gara è un’arma che Honda ha studiato con tanta attenzione. Dopo anni di ganci meccanici, viene demandato il lavoro sporco alla centralina che limita i giri motore secondo tre curve selezionabili al manubrio poco prima del via. L’inserimento le prime volte è un po’ macchinoso, ma poi diventa intuitivo. Al contrario delle mappe, il launch control più “potente” viene messo per primo in quanto sostanzialmente è quello più utilizzato.

A questa personalizzazione di aggiunge l’ormai consueta opzione delle mappature (standard, soft ed aggressive) anche per le 2019.

CRF 250R

La 250, appena arrivata su suolo italiano, l’abbiamo provata a Bellinzago in una classica giornata uggiosa d’autunno, dove la gestione della potenza e la sensibilità di guida sono gli elementi essenziali per una buona performance sul terreno scivoloso che abbiamo incontrato.

Dal punto di vista termico viene rivisto interamente il flusso d’aspirazione del quarto di litro. A partire dalla cassa filtro, il cono, i condotti, le valvole ed il pistone sono stati interamente rinnovati per ricercare quella coppia e corposità che mancava alla piccola rossa. Grazie a questi interventi infatti, ora è in grado di offrire una schiena più solida sulla quale costruire gli ingressi e le percorrenze in curva. Il tutto è stato svolto nel rispetto della potenza in alto che da sempre le contraddistingue e che non è stata in alcun modo alterata.

Come sulla grande, anche la piccola riceve il sistema elettronico del launch control HRC con 3 opzioni differenti, mentre rimane inalterata l’opzione delle mappe, particolarmente diverse tra di loro. A parte le standard, la soft rallenta parecchio la presa di giri, ma introduce un freno motore in rilascio a volte fin troppo eccessivo. La aggressiva al contrario, trasmette grande leggerezza in quanto il motore gira molto libero e la prontezza di coppia fa schizzare la moto fuori dagli appoggi.

Visualizza gallery (8 foto)

Non fatevi ingannare dal l’estetica che rimane molto simile alla versione attuale, perché le nuove Honda, sotto la livrea rossa fiammante, nascondo un concentrato di tecnologia davvero efficace e soprattutto adatto ad un ampio scettro di utilizzatori. Le prime stanno già arrivando presso i concessionari e se non volete perdere l’occasione di possedere uno di questi cavalli di razza vi conviene correre al più presto dal vostro negozio di fiducia! La CRF 250R viene € 9.190 mentre la CRF450R viene venduta ad € 9.490, entrambe già disponibili.

Abbiamo utilizzato

Casco: Acerbis

Occhiali : Ariete

Maglia: Acerbis

Pantaloni: Acerbis

Guanti: Acerbis

Stivali: Acerbis

Maggiori informazioni

Moto: Honda CRF 250 450 MY 2019

Data: 26 Novembre 2018

Luogo: Crossodromo di Bellinzago e Rezzato

Foto: Davide Messora per Honda


Visualizza gallery (18 foto)

+9

Leggi Anche

Detrazioni fiscali caldaie a biomassa, le novità 2019

Detrazioni fiscali caldaie a biomassa, le novità 2019

Fino al 31 dicembre 2019 è possibile accedere alla detrazione del 50% per le spese …