Home / Sessuologia ed Altro / Globalist 2.0 | Spagna, la roulette sessuale degli adolescenti: senza …
Globalist 2.0 | Spagna, la roulette sessuale degli adolescenti: senza ...

Globalist 2.0 | Spagna, la roulette sessuale degli adolescenti: senza …

Ricordate il gioco della bottiglia? Un bacino sulla guancia o al massimo uno a stampo sulla bocca, tutto super segreto e fatto di nascosto dai genitori? Sembra che in Spagna per gli adolescenti (e chi sa magari anche in Italia) il bacino sia stato superato alla grande come il telefonino è stato surclassato dallo smartphone. Lo chiamano juego de muelle o roulette sessuale.

Non siamo certo qui per giudicare o fare sermoni sulla moralità, ognuno si diverte come crede, basta che il gioco sia rispettoso per se stessi e per gli altri e non sia imposto e non ci si faccia male. E’ il punto è proprio questo: è interessante riflettere sulle conseguenze di questo gioco che un po’ di male potrebbe farlo di certo nel lungo periodo. 

Prima di tutto spieghiamolo: gira in rete un video di quattro minuti, talmente esplicito che lo risparmiamo, dove si vedono in un salone di una casa cinque ragazzi di 16 anni con i pantaloni calati, una bottiglia su un tavolo e tre ragazze, anche loro minorenni, che si spogliano. A questo punto parte un cronometro. Il gioco è una specie di gara, si tratta di velocissimi rapporti sessuali dove i maschi in erezione non devono eiaculare prima della fine del tempo mentre le ragazze si siedono sopra di loro e le costringono a una penetrazione, senza preservativo. Se il ragazzo eiacula è eliminato. Dopo lo scadere dei 30 secondi si rinizia cambiando partner. Vincono i maschi che resistono di più. Nel gioco l’orgasmo della donna non è contemplato, non se ne parla nelle “istruzioni” né è utile al fine del gioco (questo dettaglio, che non è un dettaglio, dovrebbe farci riflettere sul piacere femminile che neppure in giochi sciocchi come questo, praticato dalle nuovissime generazioni, risulta importante).

Il gioco è nato in Colombia, dove quattro minorenni sono rimaste incinta. Ma la cosa che più preoccupa di più il sistema sanitario è una maggiore diffusione di malattie sessualmente trasmissibili tra gli adolescenti. Purtroppo a confermare questi timori ci sono i dati diffusi da El Mundo che parlano di almeno 10 minorenni infettati per ogni trimestre del 2016. Prima i casi erano 2 o 3 all’anno. 

Ricapitolando il gioco è finalizzato al solo piacere maschile, anzi al pubblico bando (queste pratiche sono filmate e messe in rete) del ragazzino che eiaculando prima degli altri viene deriso e eliminato appunto dal gioco. Il gioco non prevede precauzioni di alcun tipo, quindi sia gravidanze indesiderate che malattie possono essere gli strascichi di questa gara dove a “vincere” è chi subisce senza protestare pratiche sessuali che magari non gradisce, rapporti forzati dal branco. Non c’è intimità, né desideri espressi, ma una sessualità vissuta in modo agonistico e pericoloso, di pubblico dominio in rete. Un misto tra stupro mascherato dal gioco, bullismo e cyberbullismo. Il tutto fatto da minorenni che magari un giorno potranno pentirsi di aver partecipato.

Perché ho scritto tutto questo? Per segnalarvi che in Spagna come in Italia non è  mai esistito un programma di educazione sessuale all’interno delle scuole. La consapevolezza del nostro corpo anche come veicolo di piacere è lasciata nelle mani di famiglie non all’altezza delle compito o alla mercé della rete, del bulletto di turno o magari di una pornografia che è fatta e divulgata solo per il piacere maschile. 

Ecco a cosa porta la carenza di una educazione sessuale. Il sesso non è un bene di consumo, ma un’esperienza unica ma solo se è consapevole. 

Leggi Anche

Nella Silicon Valley c'è molta strada da fare sulla diversità…

Nella Silicon Valley c’è molta strada da fare sulla diversità…

Gli uomini dominano la forza lavoro delle start up della Silicon Valley in misura ancor …