mercoledì , maggio 22 2019
Home / Tecnologia / Firefox prenderà in prestito una tecnologia antitracciamento del browser Tor
Firefox prenderà in prestito una tecnologia antitracciamento del browser Tor

Firefox prenderà in prestito una tecnologia antitracciamento del browser Tor

Mozilla integrerà a partire da Firefox 67 – previsto per metà maggio – una tecnologia anti-tracciamento. La tecnologia in questione è denominata “letterboxing” e consiste nell’aggiungere “spazi grigi” ai lati delle pagine web quando l’utente ridimensiona la finestra del browser, elementi rimossi al termine delle operazioni di ridimensionamento.

Le reti che si occupano di advertising individuano determinate caratteristiche del browser come la dimensione della finestra per creare profili degli utenti e tracciarli quando ridimensionando le finestre e si muovono tra le varie schede aperte.

L’idea del letterboxing, spiega Zdnet è nascondere la reale dimensione della finestra mantenendo larghezza e altezza su multipli di 200 pixel e 100 pixel durante le operazioni di ridimensionamento, facendo in modo che tutti gli utenti sembrano dimensionare le finestre allo stesso modo, aggiungendo spazi grigi in alto, basso, a destra e a sinistra della pagina web corrente.

Il codice del sistema di advertising tiene conto dell’evento attivato al ridimensionamento della finestra, legge le dimensioni generiche e invia i dati ai suoi server di riferimento, e solo a questo punto Firefox rimuove gli spazi grigi usando una fluida animazione che dura pochi millisecondi. In altre parole, il letterboxing riempie con spazi grigi i bordi del contenuto ridimensionato, un trucco che impedisce ai meccanismi di advertising di individuare peculiarità del browser usato in quel momento dall’utente.

La protezione con il letterboxing non è una novità ma Mozilla sfrutta una caratteristica originariamente pensata per Tor, il browser che poggia il suo funzionamento su un’architettura a strati e con integrati vari strumenti di serie per proteggere la privacy. Tor è a sua volta sviluppato partendo da Firefox. Nel filmato che alleghiamo in calce, un filmato mostra il meccanismo di antitracciamento letterboxing.

Il letterboxing è attualmente integrato nelle versioni preliminari di Firefox (Firefox Nightly) e, come già detto, sarà disponibile per tutti a partire da Firefox 67. Nelle Nightly build il sistema di protezione non è attivo per default ma bisogna attivarlo richiamando la pagina “about:config” (senza virgolette) e impostando su “true” il parametro “privacy.resistFingerprinting”.

Anche Apple ha recentemente lavorato su nuovi meccanismi per la protezione della privacy di Safari per macOS e iOS , sviluppando una nuova versione dell’Intelligent Tracking Prevention, una tecnologia che offre funzioni ancora più avanzate e regole ancora più severe per tutelare la privacy dell’utente su Internet e social.

 

Leggi Anche

Il controller PCI Express 4.0 è la vera novità del chipset AMD X570

Il controller PCI Express 4.0 è la vera novità del chipset AMD X570

Assieme ai nuovi processori Ryzen della serie 3000, costruiti con tecnologia produttiva a 7 nanometri …