Home / Tecnologia / Face ID, schermo OLED, ricarica wireless: ecco l’iPhone X
Face ID, schermo OLED, ricarica wireless: ecco l'iPhone X

Face ID, schermo OLED, ricarica wireless: ecco l’iPhone X

iPhone X: è qui, è reale, è molto costoso. Dopo mesi di rumors e indiscrezioni, Apple ha finalmente presentato l’iPhone X (si pronuncia “iPhone Ten”), con uno schermo OLED e un sistema di fotocamere TrueDetect che abilitano il nuovo Face ID e funzioni Animoji.

L’iPhone X potrà essere ordinato a partire da venerdì 27 ottobre e sarà distribuito dal 3 novembre. I costi: il modello con 64GB di storage parte da 999 dollari(il prezzo più alto di qualsiasi iPhone fino a oggi), il modello con 256 GB da 1.149 dollari. Per fare un confronto, il prezzo di base del nuovo iPhone 8 da 4,7 pollici e la stessa quantità di storage è di 699 dollari.

L’iPhone X ha uno schermo da 5,8 pollici e utilizza un display OLED anziché un pannello LCD dei modelli precedenti. Ha una risoluzione di 2.436×1.125, con un a incredibile densità di 458 ppi. Apple lo chiama Super Retina. Come l’iPhone 8, supporta TrueTone per regolare il colore in base alla luce ambientale .

L’iPhone X non ha il pulsante Home, ha una cornice sottilissima e sul bordo superiore c’è una piccola tacca per la fotocamera FaceTime, quindi è fisicamente più piccolo dell’iPhone 8 Plus, che ha uno schermo da 5,5 pollici.

Il passaggio allo schermo OLED è probabilmente la causa del ritardo della data di rilascio, ma in generale i dispositivi con pannelli OLED, come il Samsung Galaxy S8 e il Google Pixel 2016, offrono colori più intensi e brillanti, migliori contrasti, oltre al fatto che i display OLED sono più flessibili e permettono una curvatura più dolce ai bordi del telefono.

Il passaggio allo schermo OLED potrebbe incidere sulla durata della batteria, ma Apple afferma che l’iPhone X avrà due ore di autonomia in più rispetto all’iPhone 8.

Face ID sostituisce il pulsante Home

Senza un pulsante Home per Touch ID, come si sblocca l’iPhone X? Con il proprio volto! Apple ha mostrato come Face ID, che utilizza un sistema di fotocamere e sensori TrueDepth, sia in grado di riconoscere il volto dell’utente anche nel buio, e persino se viene modificato con un paio di occhiali o un taglio di capelli.

Face ID utilizza più punti di confronto rispetto a Touch ID e, grazie ai sensori di profondità, è in grado di distinguere tra una fotografia e l’utente reale, prevenendo accessi non autorizzati.

TrueDepth utilizza sensori a raggi infrarossi per rilevare il volto al buio. Il proiettore a punti consente di creare un modello matematico del viso dell’utente per confrontarlo con il modello memorizzato. Il chip Aion Bionic dell’iPhone X incorpora un motore basato sul machine learning per elaborare FaceID in tempo reale.

Le nuove fotocamere ottimizzate per AR e Animoji

Come l’iPhone 7 Plus, l’iPhone X ha due fotocamere posteriori da 12 megapixel, con la differenza che le lenti sono impilate verticalmente. Le fotocamere sporgono dalla parte posteriore del telefono, ma è un piccolo disturbo quando si considerano le specifiche: doppia stabilizzazione ottica dell’immagine, sensori più grandi per le prestazioni con poca luce, gamma dinamica superiore, quad-LED Flash True Tone migliorato.

Abbinato all’app Camera di iOS 11, l’iPhone X supporta la funzione Ritratto e la funzione beta Portrait Lighting, che rileva i diversi piani del volto di una persona e regola l’illuminazione su ciascuno. Anche la fotocamera TrueDepth sulla parte anteriore dell’iPhone X supporta la modalità Portrait e Portrait Lighting, per ottenere i migliori selfie.

Sulla parte anteriore dell’iPhone X, il sistema TrueDepth che riconosce il viso offre qualcosa in più. Una nuova funzionalità in Messages chiamata “Animoji” può rilevare lo stato d’animo e l’espressione dell’utente: tracciando 50 muscoli facciali, Animoji sincronizza l’emoji con quello che sta dicendo e può inviare l’immagine creata ai contatti dell’utente.

Il chip Bionic A11

L’iPhone X è dotato di un chip Bionic A11, del 70% più veloce rispetto al Fusion A10 degli iPhone 7 e 7 Plus, secondo quanto dichiarato da Apple. Ha sei core, due per il computing ad alte prestazioni e quattro per l’efficienza, che permettono di risparmiare la batteria durante le attività a bassa intensità. Un controller di prestazioni può combinare tutti e sei i core contemporaneamente.

Apple ha anche progettato la propria GPU, una versione a tre core fino al 30% più veloce della GPU dell’iPhone 7, che supporta applicazioni di realtà aumentata e l’apprendimento automatico.

La ricarica wireless

L’iPhone X supporta la ricarica wireless con lo standard Qi, e Apple offre soluzioni di ricarica Qi nei propri store. A partire dall’anno prossimo Apple venderà anche il proprio pad di ricarica AirPower che può caricare simultaneamente un iPhone X, un Apple Watch Series 3 e anche un sistema AirPods.

Il nuovo iPhone offre anche LTE Advanced e Bluetooth 5.0, oltre ad altoparlanti stereo e la stessa resistenza a polvere e acqua dell’iPhone 7.

Colori, prezzi e date di rilascio

L’iPhone X sarà disponibile in grigio o argento. Poiché la cornice è molto sottile, in entrambe le versioni di colore la parte frontale dell’iPhone X è nera.

Il nuovo modello di punta di Apple non è economico: i prezzi partono da 999 dollari per la versione da 64GB e 1.149 dollari per la versione da 256GB.

Apple aprirà le prenotazioni per l’iPhone X venerdì 27 ottobre, e la distribuzione dei dispositivi è prevista per la settimana successiva, a partire dal 3 novembre.

Leggi Anche

Il primo disco solare al mondo alimentato da microturbina ad aria

Il primo disco solare al mondo alimentato da microturbina ad aria

Arriva il primo disco solare al mondo in grado di produrre energia elettrica grazie all’integrazione …