Home / Sessuologia ed Altro / Dalla diocesi di Vicenza un sì a stepchild adoption
Dalla diocesi di Vicenza un sì a stepchild adoption

Dalla diocesi di Vicenza un sì a stepchild adoption

«Il rispetto giuridico per l’opzione di tutte le persone è importante. Non possiamo ammettere discriminazioni». Lo ha detto l’altro ieri, secondo quanto si legge sul Giornale di Vicenza, il responsabile dell’ufficio diocesano di Vicenza per la pastorale sociale e del lavoro, don Matteo Pasinato, intervenendo alla tavola rotonda sulle unioni civili che si è tenuta a palazzo Trissino. L’occasione era il primo incontro organizzato dalla neonata associazione Giuristi Democratici, dedicato alla legge sulle unioni civili.

Sulla quale, da parte di don Pasinato, arriva un’apertura sincera, che non si limita alle unioni ma anche alla stepchild adoption: «l’adozione normale per una coppia dello stesso sesso? È un campo di discussione aperto, non c’è una preclusione». Tenendo fisso però un punto: «avere un figlio non è un diritto, questo vale sia per le coppie omosessuali che per quelle eterosessuali». «Se due persone chiedono una stabilità riconosciuta – dice don Pasinato – che siano delle stesso sesso oppure di sesso diverso, non fa differenza. Non è questo che rende fragile o mette in pericolo il matrimonio».

Stampa e PDF

Leggi Anche

Il contadino sconcertato: "Quell'uomo faceva sesso con la mia scrofa"

Il contadino sconcertato: "Quell’uomo faceva sesso con la mia scrofa"

David Chavez e la scrofa David Chavez, di Hendersonville, nella Carolina del Nord (Usa), è …