lunedì , marzo 25 2019
Home / Tecnologia / Cosa hanno in comune un quadro digitale da 27″, il Wi-Fi 6 e l’Armor Cybersecurity? (foto)
Cosa hanno in comune un quadro digitale da 27″, il Wi-Fi 6 e l’Armor Cybersecurity? (foto)

Cosa hanno in comune un quadro digitale da 27″, il Wi-Fi 6 e l’Armor Cybersecurity? (foto)

Cosimo Alfredo Pina

09/01/2019 ore 17:36

Spoiler: Netgear.

Un anno decisamente eclettico quello di Netgear. Al CES 2019 il colosso del networking ha infatti portato diverse novità che toccano software, hardware e… l’arte!

Partiamo proprio da quest’ultima cosa. Netgear ha infatti acquisito, lo scorso agosto, Meural ed il primo frutto di questa unione è la Meural Canvas Generation 3.0. Si tratta di un quadro digitale curato nell’aspetto, nella qualità e nelle funzioni.

Niente a che vedere con le cornici digitali, ma una vera e propria cornice da appendere al muro. Uno schermo da 21,5 o 27 pollici su cui mostrare quadri ed opere d’arte da una libreria di 30.000 immagini, oppure le proprie foto.

Non ci sono notizie di prezzi o disponibilità in Italia, ma sappiate che le precedenti generazioni negli USA partono da 650$. Tornando sul networking vero e proprio, ecco che Netgear rivela il sistema di protezione Armor Cybersecurity.

: I migliori router in commercio, la nostra lista

Si tratta di un software aggiuntivo, a pagamento ma gratuito per i primi 90 giorni, sviluppato in collaborazione con Bitdefender. Questo mette sulle reti Netgear uno strato di sicurezza in più con un “sistema in grado di rilevare e proteggere attivamente tutti i dispositivi da minacce informatiche come virus, malware, spyware, ransomware, phishing e botnet, bloccando qualsiasi tentativo di accesso ai siti web, URL o indirizzi IP che potrebbero rubare informazioni o portare a furti d’identità”.

Il tutto integrato con relativa app per smartphone Android ed iOS, oltre che per Mac e PC, da cui tenere tutto sotto controllo anche grazie alle notifiche sui tentativi di attacco.

Netgear al CES ha portato anche diverse novità per il settore aziendale: switch NETGEAR Smart Managed Pro S350 IPV6, l’unità mesh Satellite Business Orbi Pro Mesh Wi-Fi a Soffitto, ed il router per gli uffici medio-piccoli Wireless Access Point Insight Managed Smart Cloud Tri-band 4×4 (WAC540).

La novità più interessante anche per chi vuole il top della tecnologia anche in casa è però la nuova generazione di Orbi. Netgear fa infatti sapere che sta lavorando per portare il Wi-Fi 6 (o 802.11ax) sul suo sistema mesh.

Quindi chip wireless rinnovato e potenziato, con la promessa di “flussi Wi-Fi simultanei con prestazioni ancora più elevate”, in ottica 4K, e velocità e coperture aumentate, anche grazie alla potenza di un chip Qualcomm, che andrà a gestire ogni singola unità Orbi.

Una tecnologia sulla carta molto interessante, ma che vedremo in commercio solo nella seconda metà dell’anno.

Leggi Anche

Le previsioni sbagliate sulle auto elettriche smentite dalle vendite

Le previsioni sbagliate sulle auto elettriche smentite dalle vendite

Il mondo dell’auto ha da sempre confidato sulle previsioni dei Costruttori sulle auto elettriche. Obiettivi …