mercoledì , settembre 26 2018
Home / Film e Dintorni / Black Panther, la stampa 3D va al cinema
Black Panther, la stampa 3D va al cinema

Black Panther, la stampa 3D va al cinema

Cortesia Marvel

Materialise ha lavorato con la designer Julia Koerner, specializzata in abbigliamento stampato in 3D, su alcuni dei costumi dell’ultimo film di Marvel, Black Panther.

La Costume Designer del film, Ruth E. Carter, al fine di portare in vita sensazioni ultraterrene, giocando tra i tradizionali design africani e gli elementi futuristici della civiltà Wakanda, si è rivolta a Julia Koerner per collaborare su capi d’abbigliamento all’avanguardia per la regina Ramonda.

Julia Koerner è una designer interdisciplinare, esperta in architettura, industrial e fashion design, specializzata in abbigliamento stampato in 3D.

L’idea alla base del costume per Black Panther era che doveva fondere tradizione e ipermodernità.

Non è stato sempre facile raggiungere un simile equilibrio. Wakanda, nella trama del film, è una civiltà tecnologicamente avanzata, ma grazie al suo isolamento dal resto del mondo ha mantenuto radici profonde con la sua cultura africana.

Così i costumi avevano bisogno di essere, allo stesso tempo, altamente futuristici e completamente antichi.

Nel caso della madre di T’Challa, la regina Ramonda di Black Panther, la risposta al rompicapo è stata usare la stampa 3D.

Come tecnologia in grado di creare disegni e strutture incredibilmente complesse, la libertà di progettazione offerta dalla stampa 3D si è rivelata il modo perfetto per creare questa simbiosi tra vecchio e nuovo.

Marvel Studios 2018

Carter voleva che la corona di Ramonda somigliasse alle tradizionali corone indossate dalle donne sposate di Zulu. Ma aveva bisogno di un tocco futuristico. Julia Koerner ha creato digitalmente un design che mescola queste due idee e sfrutta appieno la libertà di design offerta dalla tecnologia di stampa 3D.

Materialise ha una lunga storia di collaborazione con Julia Koerner, che risale a progetti innovativi con il designer industriale Ross Lovegrove e lo stilista di moda Iris van Herpen.

Non è stato però un compito facile, ammette Materialise.

La corona e il mantello dovevano essere perfetti e perfettamente aderenti, quindi non solo il design era importante, ma anche la scelta della tecnologia di stampa 3D e del materiale.

Dopo aver provato alcune diverse opzioni, è stata utilizzata la sinterizzazione laser per pezzi con polvere di Poliammide 12.

Quando si utilizza Poliammide 12 le parti che ne risultano tendono a essere robuste e rigide, rendendole a prima vista una scelta di materiale insolita per un design che richiedeva un certo grado di flessibilità.

Tuttavia, i risultati finali di una parte stampata in 3D dipendono sia dal design che dal materiale e dalla tecnologia.

Koerner ha creato una struttura così sapientemente progettata che la poliammide sinterizzata al laser è divenuta flessibile.

Risultato, i pezzi erano abbastanza morbidi da essere indossati comodamente da Angela Bassett, l’attrice che interpreta la regina Ramonda, e abbastanza rigidi da mantenere la loro forma e mantenere quell’imponente simbolo reale.

Leggi Anche

Fast & Furious 9: tutto quello che sappiamo sul film

Fast & Furious 9: tutto quello che sappiamo sul film

Nessun freno, nessuna retromarcia. Soltanto la voglia di ingranare la nona e sfrecciare verso Fast …