martedì , giugno 18 2019
Home / Tecnologia / Ad Autopromotec in mostra i ‘bolidi’ della Formula SAE Italy
Ad Autopromotec in mostra i 'bolidi' della Formula SAE Italy

Ad Autopromotec in mostra i ‘bolidi’ della Formula SAE Italy

Ad Autopromotec 2019 non solo spazio dedicato al mondo della ricambistica e dell’aftermarket. Gli appassionati dei motori potranno aver modo di ammirare, alla fiera di Bologna dal 22 al 26 maggio, due vetture della Formula SAE Italy, l’evento educational in programma dal 24 al 28 luglio presso l’Autodromo ‘R. Paletti’ di Varano de’ Melegari, che ha come obiettivo il recruitment e la valutazione di innovative soluzioni tecnologiche da sviluppare per le aziende dell’automotive e del motorsport che sponsorizzano l’iniziativa. Quest’anno, la competizione universitaria organizzata da ANFIA, che vede la partecipazione delle facoltà di ingegneria di tutto il mondo impegnate nella progettazione e nella realizzazione di prototipi di autovetture monoposto da competizione a combustione, elettriche e driveless, ha tra le novità l’aggiunta di 8 nuovi slot nella classe ‘elettrica’ (1E), tecnologia oggi al centro del dibattito sulle tendenze evolutive del settore automotive.

Gli slot disponibili sono quest’anno 100 in totale, così suddivisi: 33 per la Classe elettriche, 52 per la Classe delle vetture a combustione, 10 per la Classe Driverless e 5 per la Classe 3 (la presentazione del progetto senza prototipo).

Risultano iscritti all’evento 99 team, di cui 80 di provenienza UE e 19 Extra-UE, per un totale di 28 Paesi e 94 atenei, di cui 17 italiani (19 in totale i team italiani). Alla fiera di Bologna, negli spazi espositivi dello stand A19, sarà possibile ammirare i ‘lavori’ dei team delle università di Trento e Padova. In particolare, sarà esposta ad Autopromotec il prototipo del team E-Agle Trento Racing Team (università degli Studi di Trento): una vettura elettrica da competizione, Chimera, sviluppata attorno ad un innovativo telaio tubolare facendo uso di giunti in acciaio stampati in 3D.

Nel 2017 il team E-Agle ha partecipato alla sua prima competizione: Formula SAE Italy di Varano De’ Melegari. In quell’occasione la scuderia ha portato a casa il trofeo per la miglior soluzione telemetrica messo in palio da Teoresi Group.

Nel 2018 E-Agle ha deciso di raffinare il progetto di Chimera, apportando notevoli miglioramenti sia in termini prestazionali che estetici. Il nuovo prototipo, Chimera evoluzione, rivede il layout di tutto l’impianto powertrain, oltre ad un redesign integrale dell’impianto di raffreddamento e del pacco batterie.

C’è un uso massiccio dei materiali compositi in fibra di carbonio, grazie alla forte partnership con l’azienda Merelli Compositi, che permettono a chimera di raggiungere la massa di 220 kg. Durante il 2018 E-Agle ha partecipato a due competizioni; la prima a Varano (che le vale il titolo per la miglior HMI messo in palio da Automobili Lamborghini), la seconda a Barcellona (dove riesce a portare a casa un ottimo quarto posto per la Business Presentation). Attualmente il team è alle prese con la realizzazione di un terzo prototipo da gara, ancora coperto da riservatezza.

L’altro gioiellino in mostra a Bologna e quello del Race UP Team Combustion dell’università degli studi di Padova. Si tratta di un’auto che vanta un passo di 1535 mm con un binario di 1200 mm nella parte anteriore e 1190 mm nella parte posteriore, per una dimensione complessiva di 2998 x 1446 e un’altezza di 1199 mm. La MG 13.18 è alimentata da un motore Honda CBR 600 RR 2007/2008 aspirato con iniezione elettronica che sviluppa 90 CV.

L’appuntamento con la Formula SAE Italy ogni anno richiama nella Motor Valley i team degli atenei più prestigiosi pronti a scendere in campo per sfidarsi in una competizione dove l’ingegno è davvero tutto: l’edizione 2018 di Formula SAE Italy ha riunito 84 team universitari (+5% rispetto al 2017) da 26 diversi Paesi, per un totale di circa 2.600 studenti.

Leggi Anche

Tracce maturità 2019, chi corregge le prove scritte

Tracce maturità 2019, chi corregge le prove scritte

MATURITÀ 2019, DATE Maturità 2019, prima e seconda prova: chi le corregge — Fonte: istock …