Home / Scuola Università e Dintorni / 10 libri stranieri da leggere se hai 18 anni | Studenti.it
10 libri stranieri da leggere se hai 18 anni | Studenti.it

10 libri stranieri da leggere se hai 18 anni | Studenti.it

LIBRI DA LEGGERE NELLA VITA

Stilare una classifica dei 10 libri stranieri da leggere a 18 anni è praticamente impossibile: sono troppo pochi. Ma noi ci abbiamo provato lo stesso! —
Fonte: istock

Quante volte hai sentito dire di un libro che “va letto assolutamente nella vita”? Tante, probabilmente. Se pensi che le classifiche dei libri da leggere assolutamente siano tutta una questione di gusti, probabilmente hai ragione almeno in parte. Perché è vero che le classifiche hanno un senso soprattutto per chi le compila, ma ci sono libri che hanno qualcosa in più di altri. Potrebbe aver senso leggerli perché sono stati innovativi per la loro epoca, o perché potresti rileggerli senza mai stancarti, trovandoci ogni volta qualcosa di nuovo. O magari perché colpiscono qualche corda nascosta che altri non sono in grado di toccare.

Ecco la nostra classifica dei 10 libri stranieri da leggere se stai compiendo o hai compiuto 18 anni. Compilarla è stata dura, ma ti giuriamo che vale la pena di seguirla.

» Se invece preferisci gli autori italiani, la nostra lista è qui!

Un consiglio in più

Se sei neomaggiorenne o hai compiuto 18 anni del 2017 hai tempo fino al 30 giugno 2018 per richiedere il tuo bonus cultura di 500 euro. Un’ottima occasione per fare acquisti di valore fra libri di narrativa o scolastici, biglietti o abbonamenti per concerti o teatro, ebook, CD e DVD. Approfittane!

La lettura proprio non fa per te? Ecco 10 motivi per cui dovresti almeno provare a cambiare idea!

LIBRI STRANIERI DA LEGGERE A 18 ANNI

Chuck Palahniuk, Fight Club. È uno di quei libri che ti lasciano dentro sensazioni anche a distanza di mesi. Violento, pungente, sarcastico, surreale: Palahniuk è tutto questo insieme. I fight club sono incontri di boxe clandestini a cui il protagonista partecipa per sfogare la rabbia e il vuoto che sente verso il mondo, ma presto divetano qualcosa di più. Da questo libro è stato anche tratto il film di David Fincher.

Citazione: Avevo voglia di distruggere tutte le cose belle che non avrei mai avuto. Bruciare le foreste dell’Amazzonia. Pompare clorofluoroidrocarburi in cielo a mangiarsi l’ozono. Aprire le valvole nei serbatoi delle superpetroliere e svitare i tappi sulle piattaforme petrolifere. Volevo uccidere tutti i pesci che non potevo permettermi di comperare e annerire le spiagge della Costa Azzurra che non avrei mai visto. Volevo che il mondo intero toccasse il fondo.

Jack Kerouac, Sulla strada. Questo romanzo di formazione è uno dei più famosi della letteratura di tutti i tempi. Il protagonista è Sal, ragazzo di New York con ambizioni da scrittore, che sfida le regole della vita borghese partendo per un viaggio con Dean, aria da maledetto e in fuga perenne dalla società. Con lui conduce una vita da nomade, sperimenta tutto ciò che è proibito e illegale, e cambia per sempre la sua visione del mondo e della scoperta. Anche quando tornerà alla sua vita normale, l’irrequietezza che ha sviluppato sulla strada continuerà a far parte di lui.

Citazione: A me piacciono troppe cose e io mi ritrovo sempre confuso e impegolato a correre da una stella cadente all’altra finché non precipito. Questa è la notte e quel che ti combina. Non avevo niente da offrire a nessuno eccetto la mia stessa confusione.

Nicolai Lilin, Educazione siberiana. Il libro è ambientato in Transnistria, una regione dell’ex URSS autoproclamatasi indipendente alla fine degli anni ’90. Chi vive qui, per la maggior parte conduce una vita criminale, in continuo scontro con la polizia e con le altre bande locali: le famiglie insegnano ai bambini l’uso della pistola e del coltello, il rito dei tatuaggi, ma anche una certa etica. Non è facile, per chi vive a Fiume Basso, essere un criminale onesto. Un libro crudo, veloce, a tratti ironico, che leggerai tutto d’un fiato. Se vuoi, Gabriele Salvatores ne ha anche tratto un film.

Citazione: Un tatuaggio non è semplicemente un disegno. Vedi, un tatuatore è come un confessore. Lui scrive la storia di un uomo sul suo corpo. Le vite dell’uomo possono sembrare tutte simili. Si nasce, si cresce, ci s’innamora, si fanno figli, si lavora, si muore. Alcuni si godono la vita, altri no. Ma noi Siberiani, Kolìma, la combattiamo.

Haruki Murakami, Norwegian Wood. Tokyo Blues. È il libro di Murakami che maggiormente si discosta dalla sua produzione surreale e onirica. Sono gli anni ’60 in Giappone, le università sono in rivolta. Il protagonista, Watanabe Tōru, è un adolescente  diviso fra l’amore di due ragazze, il legame con l’amico Kizuki, il desiderio di trovare un suo posto nel mondo e la paura di sbagliare. Si troverà ad affrontare il dolore della morte, capendo che in fondo è anch’essa parte della vita. Un libro intimo e riflessivo che ti farà scoprire una letteratura diversa da quella che hai conosciuto finora.

Citazione: Per quanto una situazione sia disperata, c’è sempre una possibilità di soluzione. Quando tutto attorno è buio non c’è altro da fare che aspettare tranquilli che gli occhi si abituino all’oscurità.

Nick Hornby, Alta Fedeltà. Il protagonista di questo libro, Rob Fleming, lavora in un negozio di dischi, vive per la musica e fa classifiche praticamente di tutto ciò che lo circonda. Partendo da quella delle più grandi fregature della vita, ovvero le donne, Rob ripercorre la sua vita, le sue passioni, la storia d’amore con Laura, la ragazza che lo ha appena piantato e la Londra di quegli anni, vibrante e piena di musica e di voglia di vivere. Un romanzo ironico e veloce, che ci sentiamo di consigliarti soprattutto se ami la musica almeno quanto l’autore. Anche da questo è stato tratto un film per la regia di Stephen Frears.

Citazione: Il passato lo padroneggio niente male. È il presente che non capisco.

John Fante, Chiedi alla polvere. Il romanzo è del 1939 ma è stato riscoperto in Italia solo negli anni ’80. Per presentarlo abbiamo deciso di usare le parole di Alessandro Baricco, che ha scritto l’introduzione della versione italiana. Non sarà necessario aggiungere altro!
«Chiedi alla polvere è un romanzo costruito su tre storie. Prima: un ventenne sogna di diventare uno scrittore e in effetti lo diventa. Seconda: un ventenne cattolico cerca di vivere nonostante il fatto di essere cattolico. Terza: un ventenne italoamericano si innamora di una ragazza ispano-americana e cerca di sposarla.
Il tutto a bagno nella California.
Immaginate di fondere le tre storie facendo convergere i tre ventenni (lo scrittore, il cattolico, l’italoamericano innamorato) in un unico ventenne e otterrete Arturo Bandini. Fatelo muovere e otterrete Chiedi alla polvere. Ammesso, naturalmente, che abbiate un talento bestiale».

Citazione: Ho un consiglio molto semplice da dare a tutti i giovani scrittori. Non tiratevi mai indietro di fronte a una nuova esperienza. Vivete la vita fino in fondo, prendetela di petto, non lasciatevi sfuggire nulla.

I riassunti delle opere degli autori stranieri più assegnati durante le vacanze scolastiche

Philip K.Dick, Ma gli androidi sognano pecore elettriche? Scommettiamo che anche se non hai mai sentito questo libro conosci perfettamente il film che ha preso ispirazione da queste pagine: Blade Runner. Sì, perché Dick è uno dei padri della fantascienza distopica: quella fantascienza, cioè, che racconta di un futuro spesso post-apocalittico e indesiderabile. In questo libro la terra del futuro è sopravvissuta a una nuova, distruttiva, guerra mondiale. Gli uomini condividono il pianeta con i replicanti, delle copie perfette degli esseri umani che a volte decidono di confondersi fra loro, desiderando una vita diversa. Il protagonista è un cacciatore di androidi, inviato in missione per ritirare le copie difettose. Ma entrando in contatto con loro, non riuscirà così facilmente a capire chi fra uomini e replicanti è davvero umano.

Citazione: Cosa si prova ad avere un bambino? Cosa si prova a nascere? Noi non nasciamo, noi non cresciamo. Invece di morire per una malattia, o di vecchiaia, noi ci esauriamo, come le formiche. Ecco, come le formiche. Ecco cosa siamo.

Douglas Adams, Guida galattica per gli autostoppisti. Tutt’altro tipo di fantascienza è quella di Douglas Adams, che in questo primo libro di una saga che comprende cinque volumi dà forma a una fantascienza umoristica e irresistibile. Il protagonista, Arthur Dent, si trova suo malgrado immerso in avventure galattiche insieme ad improbabili personaggi: il suo vicino di casa – che si scopre essere un alieno – un ex-Presidente della galassia a due teste con la sua ragazza terrestre, e un robot depresso. Con l’aiuto della Guida galattica per autostoppisti – un volume venduto in tutta la Galassia tranne che sulla Terra – vagheranno alla ricerca del senso della vita, dell’universo e tutto quanto. Non puoi davvero perdertelo, ma se vuoi intanto puoi iniziare con l’omonimo film di Garth Jennings.

Citazione: La storia di tutte le maggiori civiltà galattiche tende ad attraversare tre fasi distinte ben riconoscibili, ovvero le fasi della Sopravvivenza, della Riflessione e della Decadenza, altrimenti dette fasi del Come, del Perché e del Dove. La prima fase, per esempio, è caratterizzata dalla domanda ‘Come facciamo a procurarci da mangiare?’, la seconda dalla domanda ‘Perché mangiamo?’ e la terza dalla domanda ‘In quale ristorante pranziamo oggi?’.

J. R.R. Tolkien, Il signore degli anelli. Forse non ci sarebbe bisogno di spiegarti il perché abbiamo inserito questo fra i libri che dovresti leggere alla tua età: Tolkien è probabilmente il più grande autore fantasy di tutti i tempi, al punto da aver addirittura inventato la grammatica di una lingua, l’elfico. Sappiamo però che la scelta di leggerlo o meno dipende dai gusti: se ti piace il fantasy, se ti sono piaciuti i film tratti dal libro o se resti incollato alla tv quando passano Il trono di spade probabilmente hai già la risposta. Ma anche se sei scettico rispetto al fantasy, ti consigliamo di dargli comunque una possibilità, prima o poi. Il Signore degli anelli è molto più di una favola e racconta molto più di un mondo di fantasia: forse sulla terra non esisteranno i draghi o gli orchi, ma la lotta tra il bene e il male si svolge esattamente come quella che troverai nei libri di Tolkien.

Citazione: Molti tra i vivi meritano la morte. E parecchi che sono morti avrebbero meritato la vita. Sei forse tu in grado di dargliela? E allora non essere troppo generoso nel distribuire la morte nei tuoi giudizi: sappi che nemmeno i più saggi possono vedere tutte le conseguenze.

Quali sono i 10 libri più amati dagli studenti?

Mark Haddon, Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte. Questo romanzo così caratteristico è stato tradotto in oltre venti paesi e ne è stata ricavata una pièce teatrale. Il protagonista è Christopher, un ragazzo con sindrome di Asperger, una particolare forma di autismo che impedendogli di interpretare le emozioni di chi ha di fronte, gli rende estremamente complicato il rapporto con le persone. Quando Christopher una sera trova il cane della vicina senza vita trafitto da un forcone, decide di indagare sull’omicidio, proprio come farebbe il suo eroe Sherlock Holmes. Nelle indagini che seguiranno, Christopher scoprirà molto anche della sua vita e delle persone che lo circondano.
Il libro è scritto in maniera molto semplice, ricalcando i pensieri razionali del protagonista. Eppure, non è affatto banale: a volte la semplicità di un pensiero nasconde un universo di emozioni nascoste.

Citazione: I numeri primi sono ciò che rimane una volta eliminati tutti gli schemi: penso che i numeri primi siano come la vita. Sono molto logici ma non si riesce mai a scoprirne le regole, anche se si passa tutto il tempo a pensarci su.

Mark Haddon, Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte. Questo romanzo così caratteristico è stato tradotto in oltre venti paesi e ne è stata ricavata una pièce teatrale. Il protagonista è Christopher, un ragazzo con sindrome di Asperger, una particolare forma di autismo che impedendogli di interpretare le emozioni di chi ha di fronte, gli rende estremamente complicato il rapporto con le persone. Quando Christopher una sera trova il cane della vicina senza vita trafitto da un forcone, decide di indagare sull’omicidio, proprio come farebbe il suo eroe Sherlock Holmes. Nelle indagini che seguiranno, Christopher scoprirà molto anche della sua vita e delle persone che lo circondano.
Il libro è scritto in maniera molto semplice, ricalcando i pensieri razionali del protagonista. Eppure, non è affatto banale: a volte la semplicità di un pensiero nasconde un universo di emozioni nascoste.

Citazione: I numeri primi sono ciò che rimane una volta eliminati tutti gli schemi: penso che i numeri primi siano come la vita. Sono molto logici ma non si riesce mai a scoprirne le regole, anche se si passa tutto il tempo a pensarci su.

Leggi Anche

Al via Adotta uno Scrittore: 26 autori nelle scuole per raccontare le ...

Al via Adotta uno Scrittore: 26 autori nelle scuole per raccontare le …

Un percorso didattico che si diffonde, da quindici anni, tra i ragazzi degli istituti secondari …